martedì 23 agosto 2011

Sensibilizzazione inutile?



e' cinese!!!!!

Ciao a tutte.
So di annoiarvi alquanto tornando a questo tema ma sono certa che qualcuna di voi capisce che è un argomento importante.
Leggo sul sito di Tralalà che anche Corinne Rigadeau ha deciso di sensibilizzare le sue moltissime fan circa le problematiche causate dai siti cinesi.


Tralalà contro i cinesi, da leggere


Con l'aiuto di Google traduttore se ne avete bisogno, andate a vedere i commenti che le hanno lasciato. "Tutto fa".


Mi dispiace generalizzare, ma per il momento dalla Cina arrivano quasi solo brutte copie, ora nel nostro caso, per colpa di alcune di voi che hanno scansionato e scansionato, si sono appropriati anche degli originali, della mia fantasia, di quella delle alre creatrici, del nostro entusiasmo, della nostra voglia di fare.
Loro sono i veri proprietari dei miei lavori che indebitamente alcune di voi gli hanno addirittura REGALATO.


Immaginate che io venga a casa vostra a prendere la vostra tv o piuttosto la vostra macchina da cucire, i vostri ricami che ci avete messo mesi a terminare, la vostra scorta di filati da ricamo, la vostra collezione di forbicine e la REGALASSI al primo che passa.
Non ho altro da aggiungere perchè tanto è tutto chiaro così, inoltre non serve a niente, vero, fan delle scansioni?
Già.


Madame Chantilly

14 commenti:

  1. E' pazzesco!! Ma dove stiamo finendo? Io lavoro con i cinesi, purtroppo.. Personalmente non ho nulla da dire, ma lavorativamente parlando...mi sento di dire che stanno prendendo il sopravvento sul mondo a spese dei loro lavoratori più maltrattati e che possiamo "combatterli" solo non comprando da loro e dalle aziende che producono da loro!

    RispondiElimina
  2. Ma no non è inutile sensibilizzare, piuttosto è impossibile credere di riuscire a estirpare il fenomeno....e secondo me, lasciamo stare i cinesi...le scansioni pirata le fanno italiane, francesi, inglesi, tedesche etc..etc..un acquisto e poi centinaia di copie ma succede con la musica , succede con i film...Per me posso dire che mi capita di avere tra le mani delle copie di schemi ma a me piace avere un libro, uno schema, in originale, toccarne le pagine , vederli sugli scaffali della mia libreria come tanti soldatini in fila, vedere i colori reali, insomma io ci spendo e lo trovo giusto e corretto nei confronti di chi ci mette impegno e creatività per darci cose belle( per esempio ho acquistato diversi tuoi schemi che avevo visto qui sul blog e di cui mi ero innamorata!) ma immagino che tante chi per difficoltà economica, chi per "vizio" continueranno imperterrite a pirateggiare ... Fai una cosa, guardala in positivo: più ti scopiazzano e piu' si vede che sei apprezzata!
    ci scherzo un pò su perdonami, immagino sia avvilente ma ripeto, credo che le parole serviranno a ben poco...un mega abbraccio e continua a sfornare meraviglie dai!
    Manu

    RispondiElimina
  3. Te lo posto su Fb chissà che la gente capisca a forza di leggere.. assieme ad un altro posto di una ragazza che invece fa illustrazioni!

    RispondiElimina
  4. Ti sembrarà strano ma secondo me questo comportamento non offende solo voi che create e dedicate tempo, energie e cuore alla vs. attività ma anche noi che acquistiamo solo originali, magari rinunciando, perchè tutto non si può, magari a pezzetti, prima schema e stoffa, poi i filati e il resto se c'è, magari costringendo la famiglia ad attingere dalle wish list artigianali di prodotti per il ricamo. Il punto non è solo il rispetto della proprietà intellettuale è IL RISPETTO IN SENSO LATO. Mi dispiace molto di leggerti così avvilita. So che non ti consolerà ma quelli tra i tuoi schemi che possiedo (come per gli altri creatori) sono tutti originali e vengono custoditi gelosamente e con ogni riguardo. Le uniche fotocopie sono quelle ingradite per lavorare meglio che vengono poi colorate e gettate via. E siamo in tante a pensarla ancora così. Le idee non può rubartele nessuno, non rimpiangere i soldi che ti hanno "rubato", loro, poverini, alla fine vanno solo compatiti, magari si arricchiranno alle tue spalle (sport comune in Italia e nel mondo da sempre) ma contrariamente a te restano brutte scatole vuote.
    Sorrisi
    M-Myo
    myosotisciel@gmail.com

    RispondiElimina
  5. già già, anch'io ne so qualcosa.
    io scarico da internet i free e ce ne sono a bizzeffe, anche miei tutorial in giro, ma quando voglio un bel libro, un bello schema, a volte solo per averlo, magari poi sta lì che me lo godo solo a sfogliarlo, non resisto, ho bisogno dell'originale, del tocco della carta, come se stringessi la mano all'autore/autrice!

    RispondiElimina
  6. Spero di non essere fraintesa....mettiamola così...internet offre delle opportunità che diversamente non ci sarebbero state...personalmente ho "mollato" le idee di susanna (la rivista) solo perchè ho scoperto, su internet, che c'era dell'altro. Dove vivo io non esiste praticamente neanche un negozio che venda materiali o schemi di chicchessia....li acquisto solo alle fiere e tramite internet. Quindi sono diventata "consumatrice" esclusivamente perchè c'è internet...e credo che molti siano diventati "produttori" proprio perchè c'è internet. Diversamente io avrei continuato ad affidarmi alle "idee di susanna" e molte creatrici sarebbero rimaste nell'anonimato o non avebbero neanche cominciato. Con questo non voglio dire che sia giusto quello che accade, il furto resta furto, ma credo che questo della pirateria sia il rovescio della medaglia.
    A me non piacciono le copie, mi piace avere gli originali, collezionarli, acquisto quelli mi piacciono e poi, il più delle volte,non li ricamo, per mancanza di tempo. Quindi spero che tutte voi che "create" per noi continuiate a farlo a dispetto dei "pirati"!
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  7. E' una vita che si combatte questa roba...
    Non andiamo troppo lontano...su certi forum ci si scambiano palesemente schemi , fotocopiati, inviati via mail ecc....uno è quello di casa cenina a cui io sono un'affezionatissima cliente...ma io compro carrellate di roba e spendo soldini , mentre sul forum del negozio si scambiano tranquillamente disegni....
    http://www.casacenina.it/catalog/viewtopic.php?order_by=1&viewmode=flat&topic_id=2942&forum=2&post_id=14441

    RispondiElimina
  8. Secondo me i cinesi possono clonare qualsiasi cosa anche semplicemente acquistando loro stessi un libro di schemi e facendo passare per loro le idee che vi trovano. Non ho mai pubblicato nel mio blog alcun tipo di schema, non mi permetterei mai, ma non è detto che loro abbiano preso gli schemi dal web: torno a ripetere, possono aver acquistato loro stessi qualche libro o schema, o esserselo fatto prestare da qualcuno. Poi fanno le copie taroccate senza problemi, tanto nessuno farà mai causa a dei cinesi sconosciuti! Ormai sono specializzati in questo: taroccano di tutto!

    RispondiElimina
  9. Ringrazio chi ha lasciato un commento, anche se so che non c'è molto da commentare. C'è chi dice che l'occasione fa l'uomo ladro, che l'invito a rubare è troppo appetibile.
    La cosa non riguarda solo me che tra poco farò fatica ad arrivare a fine mese ma anche chi lavora nel settore ricamo.
    Poi ci lamentiamo se la merceria sotto casa chiude e ci tocca andare ad acquistare una semplice matassina o un bottone a 30/40 km di distanza.
    PER ANONIMO del 24 agosto: nessun cinese ha scansionato nulla, stanne certa, troppa fatica. La fatica la lasciano fare a chi entra in possesso di uno schema originale e fa si che pubblicandolo gratuitamente, le altre lo possano RUBARE. Perchè questo è un furto.
    Chi pubblica sono ricamatrici Italiane, Francesi, Inglesi (etc...), ingolosite dall'accumulo di virtuali "monete d'oro" che servono per rubare quanti più schemi possibile.
    Non facciamo gi gnorri...

    RispondiElimina
  10. internet ha aperto molte opportunità purtroppo (come spesso accade in questi casi) sia in senso positivo che negativo e purtroppo sempre più spesso la creatività viene svalutata proprio per l'immensa disponibilità, per il fatto che "cercando bene" in rete si trova di tutto...

    RispondiElimina
  11. Cara Mme Chantilly hai ragione,anche io ieri ho letto su un blog francese delplog.canalblog.com una discussione aperta a questo problema! Un bacio Patty

    RispondiElimina
  12. mi spiace leggerti giù..... io sto aspettando di avere un attimo di tempo per fare due dei tuoi capolavori uno è in via dei matti ... ho già tutto il materiale pronto e poi zero calories che ho preso da poco e mi piace un sacco.
    hai visto ho finito il tuo bienvenue lo devo "solo" + assemblare hihi ma non so ancora bene come

    RispondiElimina
  13. Che dire se nn ripetere ciò che avevo detto qualche post fa ... io in questi gg sono riuscita ad andare un po' a spiaggia e lì è un andirivieni ininterrotto di "Vu-cumprà" che vendono di tutto: in questo periodo ci sono i piumini e le borse invernali ... Io nn ho mai comprato nulla da loro, ma se passano è xché vendono ...
    Ormai si copia tutto e la crisi certo nn aiuta chi crea con tanta fatica un piccolo capolavoro ...
    Io intanto mi sono iscritta all'ennesimo sal, in cui ricamerò il meraviglioso schema che ho comprato a Rossiglione!

    RispondiElimina
  14. Ciao Ros, è sempre avvilente leggere queste notizie: il duro lavoro altrui calpestato, non c è nessun rispetto nè per il lavoro nè per il disegnatore, ma dopo tutto è come vivono loro no? sfruttando il prossimo.
    Claudia.
    www.crocettepercaso.blogspot.com

    RispondiElimina